Il TEAM Manguste E-Sports ProEvolutionSoccer raggiunge la Division One nella CAELUM League


Ancora una volta promossi, finalmente in Divisione Uno! Le Manguste E-Sports ProEvolutionSoccer conquistano la “serie A” nella modalità 10 vs 10 della Caelum Pes League, una delle più importanti e storiche per quanto riguarda il panorama continentale su eFootball Pro Evolution Soccer 2020.


Lo scorso anno il team si è iscritto alla quarta categoria della lega che vede presenti oltre 40 formazioni da tutta Europa. Immediatamente promossi in Divisione 3, la preparazione è continuata anche in estate, a cavallo tra Pes 19 e 20, anche per predisporsi al meglio ad altre competizioni nazionali ed internazionali attualmente in corso.

In autunno c’è stato il passaggio dalla terza alla seconda categoria, mentre con il nuovo anno è iniziata la caccia alla prima. Non è stato un cammino facile, alcuni membri del team sono cambiati, mentre la gestione di tre competizioni in contemporanea ha dato non pochi grattacapi agli amministratori della squadra.

Dopo un inizio altalenante è stato chiaro che per arrivare tra i primi 3 classificati ci sarebbe stato da soffrire fino all’ultimo, i ranghi si sono serrati, i cuori e le mani si sono unite, ed alla fine la vittoria contro gli Outplayed Foxes ci ha permesso di salire in Division One assieme a loro e ad un terzo team italiano, i Pes & Love. Vediamo allora cosa dice il capitano, Roberto “Quazazzo” Cipolletti.


Hai sempre creduto in questa promozione?


A dire il vero sì, lo zoccolo duro della squadra è rimasto lo stesso, con i nuovi giusti innesti non potevamo che puntare ai primi tre posti e ce l’abbiamo fatta. Con un po’ di fortuna e un pizzico di cattiveria in più potevamo arrivare anche primi, non ci si accontenta mai.


Qual è stata la maggiore difficoltà di questo cammino?


Sicuramente il dover gestire tante competizioni contemporaneamente, non è sempre facile mantenere al massimo concentrazione e determinazione. Senza dimenticare la formula di quest’anno che prevedeva l’obbligo di cambiare la squadra da utilizzare ad ogni incontro, quindi bisognava dimostrare conoscenza del gioco e capacità di adattamento.


E il momento più esaltante?


Lo sprint finale, con una serie di risultati utili consecutivi. Alla fine abbiamo trovato un gioco concreto ed anche spettacolare che ha permesso a questi tutti di segnare o realizzare assist, a dimostrazione che solo con il collettivo si può andare avanti in questa modalità.


Per concludere, quali sono le aspettative per la Divisione Uno?


Noi puntiamo sempre alla vittoria, non ai piazzamenti. Sappiamo che ci saranno molte squadre forti, soprattutto italiane e spagnole, ma lavoreremo duro per arrivare in alto. Ormai siamo certi di potercela giocare alla pari con chiunque; la nostra non è superbia, ma consapevolezza, ecco perché punteremo al massimo risultato in campionato e coppa.


Per seguire e rivedere i match dei nostri players vi invitiamo a seguire il loro canale YouTube



Caricamento