Apex Legends: Il gioco del momento!

Seguendo  la  moda  del  momento, che tanto piace ai ragazzi di oggi, anche  Respawn  Entertainment  ci  propone  il  suo  battle  royale,  ma  lo  fa  aggiungendo  qualcosa  di  nuovo  ed  interessante.  Scopriamo  insieme  cosa dobbiamo attenderci. Buona lettura ragazzi!


Le leggende


A differenza degli altri battle royale non avremo semplicemente il nostro avatar, ma dovremo scegliere un eroe tra i vari disponibili. Ogni “leggenda” ha delle abilità uniche e caratteristiche, in stile Overwatch. Ci sono leggende con abilità offensive, difensive o di supporto che, se sfruttate a dovere, possono favorire la vittoria.

Il gioco, attualmente, non ci permette di giocare in solo o in duo, ma solo in team da 3 player e non c’è la possibilità di scegliere la stessa leggenda. Quindi, se si vogliono avere più chance di vittoria, è utile scegliere gli eroi in maniera tale che le abilità possano combinarsi tra loro.


Il sistema di looting


La prima cosa da fare appena atterrati dopo il lancio è trovare armi e oggetti vari, come cure, armature, granate e attachment. Apex ci permette di svolgere questo compito senza complicarci troppo la vita. Basterà infatti inquadrare l’oggetto e una piccola scheda informativa ci dirà tutto ciò che ci interessa.

Per le armi, per esempio, la scheda conterrà il nome, il tipo di munizione che utilizza e, cosa interessante, quali attachment, nel nostro inventario, possono essere montati. In automatico quest’ultimi verranno equipaggiati sull’arma, senza dover entrare nell’inventario e montarli manualmente.

Elmi, armature e attachment hanno un grado di rarità corrispondente al bonus che apportano e si riconosce dal colore del contorno dell’icona. Questo potrebbe essere un elemento di distrazione, ma il gioco ci aiuta anche in questo: se si interagisce con un oggetto che già possediamo, ma con un bonus più alto, basterà una semplice pressione del tasto “E” e quest’ultimo verrà equipaggiato, scartando quello in nostro possesso.

Al contrario, se l’oggetto da prendere è inferiore qualitativamente rispetto a quello già in nostro possesso, per equipaggiarlo servirà mantenere premuto per qualche secondo il tasto. Ciò vuol dire che non dovremo preoccuparci di scambi involontari mentre cerchiamo di prendere un medikit vicino un elmo bianco e noi ne abbiamo uno blu equipaggiato.


Il gunplay


In Apex i colpi sparati vanno essenzialmente dove si è mirato premiando, quindi, quei giocatori bravi a mirare e seguire gli spostamenti degli avversari. I proiettili risentono però della gravità, cosa da non sottovalutare se dovete colpire giocatori molto distanti da voi. Elmi, armature e scudi offrono una buona protezione, aumentando di fatto la vostra sopravvivenza e le vostre chance di vittoria: manteneteli sempre carichi.


La grafica


Il gioco è, in pratica, Titanfall 2 in versione battle royale senza i mech. Ciò comporta che il comparto grafico è eccellente e tutto molto curato.


REQUISITI MINIMI


SO: Windows 7 a 64 bit;
Processore (AMD): AMD FX 4350 o equivalente;
Processore (Intel): Intel Core i3 6300 o equivalente;
Memoria: 6 GB – DDR3 @1333 RAM;
Scheda video (AMD): AMD Radeon™ HD 7730;
Scheda video (NVIDIA): NVIDIA GeForce® GT640;
DirectX: Scheda video compatibile con la versione 11 o equivalente;
Gioco online: Connessione Internet a 512 KBPS o superiore;
Spazio libero su disco: 22 GB.


REQUISITI CONSIGLIATI


SO: Windows 7 a 64 bit;
Processore (AMD): CPU Ryzen 5 o equivalente;
Processore (Intel): Intel Core i5 3570K o equivalente;
Memoria: 8 GB – DDR3 @1333 RAM;
Scheda video (AMD): AMD Radeon™ R9 290;
Scheda video (NVIDIA): NVIDIA GeForce® GTX970;
DirectX: Scheda video compatibile con la versione 11 o equivalente;
Gioco online: Connessione a banda larga;
Spazio libero su disco: 22 GB.



Conclusioni


Apex è un titolo da giocare assolutamente, sia se siete neofiti, sia se ormai vivete di sole battle royale.

Voto : 8,5 / 10



Gabriele “CervelloneRe” D’Alessandro – Admin Manguste E-Sports