RIOTORO NADIX RGB: Gaming mouse ottico che non delude le aspettative!

Impressioni d'uso

Riotoro Nadix, grazie alla sua particolare forma assicura un perfetto utilizzo solamente ad utenti destrorsi nella posizione di presa di tipo Palm-grip.  Abbiamo testato il prodotto per un periodo di prova abbastanza prolungato, al fine di capire bene il suo comportamento ed avere cosi una panoramica precisa dei risultati ottenuti.

Il nostro campione ha raggiunto risultati buoni, lasciandoci piacevolmente sorpresi, sia da un punto di vista prettamente ergonomico, non stanca l’arto, sia da un punto di vista di reattività, precisione e facilità di utilizzo.

Il peso risulta ben sbilanciato. Questo lo rende più facile da maneggiare, sia nel caso in cui siamo abituati ad effettuare rapidi movimenti, sia in caso che facciamo ampi movimenti. Passiamo quindi alla prova sul campo in modo da analizzare le reali prestazioni offerte dal Nadix. Il mouse risulta confortevole al tatto già al primo utilizzo, non stanca l’arto ed è rapida nello scivolare sulla superficie grazie ai piedini in Teflon.

I tasti rispondono in tempo zero ai comandi che gli sono stati impartiti, risultando fluidi e non necessitano di una eccessiva pressione per essere azionati. I pulsanti a nostro avviso, risultano posizionati perfettamente per una presa di tipo Palm-grip e sono facilmente raggiungibili e la rotella di scorrimento risulta comoda e silenziosa.

La presenza di seghettatura migliora inoltre in maniera consistente il grip, garantendo di fatto un’impugnatura salda e precisa. Andiamo a testare il mouse con il numero dei DPI settati su 500/1500/2000/3000/4000/5000 (profili preimpostati) e a 10000 DPI (risoluzione massima).

Per quanto riguarda i profili da 500 e 1500 DPI, la periferica risponde con movimenti ben precisi e ordinati al comando dato. Tali frequenze di DPI risultano ottimali per i giochi sparatutto, anche quando si è nella modalità cecchino.

Impostando a 2000 e 3000 DPI il mouse risulta idoneo anche per l’utilizzo lavorativo, assicurando una velocità di esecuzione leggermente superiore ai tradizionali mouse economici di tipo desktop.

4000 DPI la velocità del mouse risulta buona e costante, ideale soprattutto per giochi stile FPS o RTS e per un utilizzo lavorativo.

Settando il mouse a 5000 DPI siamo rimasti soddisfatti dei risultati ottenuti. Tale frequenza risulta ottimale per chi desidera una elevata reattività e velocità d’esecuzione mentre gioca. Per quanto riguarda l’utilizzo lavorativo, è necessario prendere confidenza, con una velocità elevata del puntatore.

Abbiamo voluto inoltre testare il mouse Riotoro Nadix anche al massimo della propria risoluzione, 10000 DPI; ovvio e praticamente scontato che il mouse scorre veramente veloce e pressoché quasi impossibile notare il movimento del cursore sullo schermo. Questa risoluzione, sotto mani esperte, risulta molto utile durante le sequenze di gioco dove serve una raffica di fuoco su larga scala.

Per i test sui giochi abbiamo utilizzato due generi di FPS: The Division 2 e Overwatch. Entrambi i giochi possiedono caratteristiche ideali per essere utilizzati come una valida piattaforma di prova.

Per poter testare un mouse non serve molto, se non una semplice mano. Sarà infatti la mano destra e la sensibilità del vostro recensore a essere lo strumento principale per poter analizzare questa periferica di puntamento.


Considerazioni con il gioco Tom Clancy’s The Division 2



Durante il test, Riotoro Nadix ha reagito in maniera precisa in ogni situazione del gameplay grazie alla possibilità di poter variare al momento la risoluzione dei DPI. Settando ognuno degli otto profili del sensore ottico, abbiamo ottenuto una buona precisione e sensibilità. La sensazione che si ha è quella di centrare in maniera semplice ogni obiettivo. Il grip risulta molto buono anche dopo diverso tempo di utilizzo.


Considerazioni con il gioco Overwatch


Nadix è in grado di offrire una buona esperienza con questo gioco, grazie alla possibilità di variare velocemente la sensibilità dei DPI in base alla situazione che dobbiamo affrontare. A nostro parere il gioco richiede una risoluzione di DPI medio-alta. Abbiamo visto che con un valore di 1500 e 3000 (secondo e quarto profilo DPI) si ottengono risultati molto buoni.

La periferica cosi settata è in grado di rendere l’esperienza di gioco altamente reattiva, non solo tra le mani dell’utente, ma anche a livello di comando/reazione visibile sullo schermo. In generale il touch-and-feel del mouse ci ha particolarmente colpito.

Caricamento