Il ritorno di un grande ed intramontabile classico: RESIDENT EVIL 2

A distanza di 20 anni dall’uscita di Resident evil 2, la Capcom ha deciso di far risplendere nuovamente una pietra miliare del genere horror. Andiamo ad analizzarlo insieme!


COSA ASPETTARCI


Abbiamo così deciso di testare la demo per farci un’idea di come un gameplay, ormai datato, possa convivere con l’attuale standard. Tralasciando il comparto grafico e quello audio, poiché migliori persino di Resident Evil 7, ci concentreremo sull’effetto che fa rigiocare questo capolavoro a due decenni di distanza.

Le sensazioni sono le stesse di 20 anni fa! Ansia, paura, adrenalina a mille, infarti… tutto come allora, aggravate dal fatto che la grafica di adesso rende il tutto molto più realistico. L’ambiente buio, il silenzio quasi assoluto, gli spazi ristretti e quella visuale in terza persona, creano l’atmosfera peggiore per i deboli di cuore.


EMOZIONI FORTI


Siete belli tranquilli in un corridoio buio, semi allagato e con solo la vostra torcia come fonte di luce. Il silenzio è rotto solo dal rumore dei vostri passi nell’acqua… in fondo al corridoio c’è una svolta a destra… vi avvicinate pian pianino e si inizia a sentire un rantolo pesante… sapete che ci sarà qualche zombie una volta svoltato l’angolo. Da dove spunterà? Dalla porta sulla destra? Da quella a sinistra? Ve lo troverete davanti? Svoltate l’angolo e quel maledetto è appeso al soffitto e vi sta per dare un bel bacino infettante! Il sistema di controllo del personaggio è identico a quello dei predecessori di RE7: telecamera fissa dietro le spalle, ampie zone buie, movimenti lenti il giusto. Tutto accuratamente studiato per farvi morire dentro un po’ alla volta.La demo ci dà la possibilità di giocare per soli 30 minuti, ma è più del necessario per testare se il vostro cuore funziona ancora bene.


ASPETTANDO IL GIOCO COMPLETO


Non mi sento di attribuire un voto sulla demo, ma posso dire che è un gioco altamente consigliato ai fan della saga, consigliato a quelli in cerca di brividi virtuali, sconsigliato per i deboli di cuore ed i facilmente impressionabili.
Quindi non ci resta che attendere l’uscita ufficiale!

RE2:remake è un titolo per tutti, sia per i più vetusti che vogliono tornare ad emozionarsi come quando ci giocavano su playstation 1, sia per i player più giovani, che non sanno nemmeno come sia fatta una playstation 1.


 


Gabriele “CervelloneRe” D’Alessandro – Admin Manguste E-Sports