DeepCool MG510 Wireless Gaming Mouse [R-MG510-BKCCNN-G]

Uno sguardo da vicino

Il nuovo DeepCool MG510 Wireless Gaming Mouse [R-MG510-BKCCNN-G] si contraddistingue per una colorazione completamente nera ed un design classico ma non per questo meno accattivante, del tutto perfetto per sposarsi nel migliore dei modi con le più moderne postazioni da gioco. Le nostre prime impressioni nell’impugnarlo sono certamente più che positive.

La particolare conformazione ed il design di tipo simmetrico, come anticipato, indirizzano questo prodotto ad un pubblico di giocatori sia destrorsi che mancini, con ottime capacità di adattamento alle varie tipologie di impugnatura, da quella più classica di tipo “Palm Grip”, fino ad arrivare alle meno usuali “Claw Grip” e “FingerTip Grip”.

Le dimensioni pari a 124 (L) x 65 (W) x 39 (H), unite ad un peso complessivo pari a poco più di 80 grammi, rendono questo mouse davvero molto comodo sia da impugnare che da gestire. Nonostante il peso relativamente contenuto dobbiamo comunque ammettere che la sensazione di robustezza, grazie agli ottimi materiali impiegati dal produttore, risulta più che buona.

L’ergonomia, come possiamo anche notare dalle immagini, appare certamente di ottimo livello, i tasti sono distribuiti in maniera intelligente e risultano semplici da raggiungere e premere. Il posizionamento della mano, grazie alla forma curva genera una sensazione di massimo confort e stabilità anche dopo sessioni di gioco prolungate. La presenza, sui lati, di inserti con texture a rilievo anti-scivolo assicura una presa ottima anche nelle sessioni di gioco più concitate.

I due classici pulsanti “destro/sinistro” sono di generose dimensioni e prevedono micro-switch meccanici Omron, in grado di assicurare precisione e affidabilità nel tempo, essendo accreditati per un ciclo di vita pari a ben 20 milioni di click.

La distanza che il dito deve compiere per interagire completamente con il tasto al fine di attivarne la funzione non è relativamente breve. Affinché avvenga tale operazione non è necessaria una forza di azionamento eccessiva. La particolarità di questa forma cosi allungata, dei due tasti sinistro e destro è costituita dal fatto che più ci si avvicina al bordo frontale del mouse, e minore sarà la forza da imprimere per farli funzionare.

In pratica, chi ha mani dalle dita lunghe sarà avvantaggiato, nel gioco, rispetto a chi impugna il mouse in posizione più arretrata, o ha dita sensibilmente più corte. Infatti, se pigiamo uno dei due tasti in corrispondenza del centro del dorso del mouse, noteremo che sarà necessario applicare una forza maggiore per poter udire il classico “click” dell’interruttore.

Teniamo a precisare che non è solo il nuovo MG510 a soffrire di questo inconveniente, che potrebbe anche essere considerato ininfluente o del tutto trascurabile dai più. Tutti i mouse costruiti con questa particolare conformazione soffrono di questa “durezza” nel premere il tasto in prossimità del centro del dorso.

Proseguendo con l’analisi del lato superiore del mouse possiamo notare che la rotella dedicata allo scroll presenta un rivestimento superficiale in gomma, abbastanza ruvida e con varie seghettature finemente lavorate al fine incrementare ulteriormente il “grip”, nonché la precisione durante l’utilizzo.

Nelle immediate vicinanze è collocato il pulsante dedicato, per impostazione predefinita, alla modifica del colore e dell’effetto dell’illuminazione RGB integrata (sulla base di nove preset preimpostati dal produttore), oltre che un utile indicatore a LED, che a seconda della colorazione (verde, arancione o rossa) segnalerà all’utente lo stato di carica della batteria a colpo d’occhio.

La parte posteriore del mouse è anch’essa costruita in robusto materiale plastico. In posizione centrale appare ben visibile il foro dedicato al sensore ottico PixArt. Alle due estremità, all’interno di apposite asole, sono collocati i piedini di scorrimento in teflon (PTFE) che, grazie al loro basso coefficiente di attrito garantiscono movimenti rapidi, uniformi ed estremamente precisi su gran parte delle superfici. Non manca una piccola etichetta adesiva che riporta tutte le informazioni principali del prodotto quali: codice seriale, alimentazione, nome del prodotto e del produttore, logo CE e ulteriori marchi delle varie certificazioni ottenute.

Poco più in basso osserviamo il pulsante dedicato alla variazione in tempo reale dei DPI del sensore. Ricordiamo che il sensore ottico ad alta precisione adottato prevede una risoluzione massima di ben 19.000 DPI, che può essere liberamente regolata a discrezione dell’utente sulla base di sette livelli d’impostazione, ovviamente personalizzabili a seconda di esigenze specifiche tramite l’apposito software di controllo (nello specifico da un minimo di 50 DPI ad un massimo di 19.000 DPI a step di 50 DPI) e selezionabili “al volo” tramite il suddetto tasto. Troviamo, infine, un particolare switch a tre posizioni per l’accensione e lo spegnimento del mouse, oltre che per l’attivazione dell’illuminazione a LED RGB integrata.

Il collegamento al computer avviene sia in modalità wireless, sfruttando l’apposito trasmettitore a 2.4GHz fornito in dotazione e la batteria al Litio integrata, e sia in modalità cablata (anche eventualmente durante la sola fase di ricarica) tramite interfaccia USB con un polling-rate regolabile fino ad un massimo di 1.000Hz (1ms).

Il produttore ha previsto, per il generoso cavo di collegamento USB da 180 millimetri, caratterizzato da un rivestimento in tessuto di buona qualità, espressamente pensato per aumentarne la resistenza all’usura ed evitarne l’aggrovigliamento. Degni di nota, inoltre, i connettori placcati oro al fine di garantire una migliore resistenza agli agenti ossidanti, oltre che un miglior contatto possibile.

Non possiamo che ritenerci pienamente soddisfatti dal lavoro svolto dall’azienda cinese su questo interessante prodotto.

Newsletter HW Legend


Caricamento