KIOXIA EXCERIA SSD M.2 PCIe NVMe 500GB [LRC10Z500GG8]

Uno sguardo da vicino

Riteniamo doveroso premettere che il prodotto gentilmente inviatoci dal colosso nipponico per la stesura di questo articolo rappresenta un sample pre-transizione esteticamente differente rispetto a quello che ritroverete sugli scaffali a partire dal mese di aprile 2020.

L’unità allo stato solido in esame, appartenente alla famiglia di prodotti RC500 M.2 PCIe NVMe della ex TOSHIBA Memory, a partire come anticipato dal mese di aprile verrà commercializzata esclusivamente con il marchio KIOXIA e inclusa nella nuovissima line-up EXCERIA SSD, brand espressamente dedicato alle soluzioni entry-level in ambito consumer.

La nuova unità KIOXIA EXCERIA SSD M.2 PCIe NVMe da 500GB di capacità appare davvero molto compatta e si basa su un fattore di forma di tipo M.2 Type-2280, che prevede, di conseguenza, una larghezza pari a 22mm ed una lunghezza massima di appena 80mm. Il PCB, di un inconsueto colore verde acquamarina, è di tipo multistrato a singola faccia, con uno spessore tale da restituire un’ottima rigidità.

Tutti i vari componenti sono di conseguenza montati esclusivamente su una faccia del circuito stampato, opportunamente disposti in modo da ottenere un layout generale molto pulito ed ordinato. Le saldature non presentano sbavature e sono di ottima fattura, a conferma degli elevati standard qualitativi che contraddistinguono i prodotti del noto marchio statunitense.

Nella parte anteriore dell’unità possiamo notare una sottile etichetta adesiva di colore nero che, oltre che conferire una certa eleganza al prodotto, consente di distinguere a colpo d’occhio la famiglia di appartenenza ed il modello.

Un’altra piccola etichetta, questa volta di colore bianco, è al contrario applicata nella parte opposta dell’unità, questa volta riportante tutti i vari codici identificativi, seriali e le principali certificazioni ottenute.

La nuova linea EXCERIA SSD si basa sul controller proprietario di ultima generazione TC58NC1202GST, messo a punto dalla stessa KIOXIA (ex TOSHIBA Memory) su licenza Phison. Questo controller, di tipo multicanale a 4 vie, offre pieno supporto sia alle NAND Flash SLC/MLC/TLC basate su standard ONFI 3.x (Open NAND Flash Interface) e sia alle più comunemente utilizzate Toggle 1.0/2.0 (sincrone oppure asincrone). Per ciò che riguarda l’interfaccia viene assicurata la piena conformità verso lo standard PCIe Gen3 con banda massima teorica pari a ben 32Gb/s (sfruttando quattro linee di terza generazione), nonché verso la più recente specifica 1.3c del protocollo NVMe (Non-Volatile Memory Express).

Troviamo, inoltre, un circuito integrato BCH dedicato alla correzione degli errori (ECC), capace di garantire una verifica a 72bit/1KB, oltre che a funzionalità avanzate come l’End-to-end Data Path Protection (ETEDPP) e un Global Wear Leveling statico e dinamico espressamente pensato per preservare le prestazioni anche in seguito ad usi particolarmente intensivi dell’unità. Il recupero delle prestazioni è garantito dalla tecnologia TRIM (nei sistemi operativi compatibili che ne fanno uso) e da un Garbage Collection avanzato, attivato automaticamente durante gli stati idle dell’unità.

Inoltre, a garanzia della massima sicurezza dei dati, è pienamente supportata la codifica con chiave di criptazione AES a 256-bit tramite protocolli Opal e Pyrite Trusted Computing Group (TCG).

Non mancano, infine, funzionalità avanzate per il massimo risparmio energetico in tutte quelle situazioni di scarso o non utilizzo del drive, come la tecnologia Device Sleep (DEVSLP) e PHY Sleep, perfette per consentire una maggiore durata della batteria dei notebook pur mantenendo un’elevata reattività, grazie ai brevissimi tempi di ripresa.

A sostegno del controller, allo scopo di ottimizzare le prestazioni riducendo i tempi morti durante l’elaborazione delle varie richieste e l’esecuzione delle operazioni di Caching, Wear Leveling e di Garbage Collection (GC), è presente un modulo di memoria cache DDR4 da 512MB, marchiato SK Hynix, riportante la serigrafia “H5AN4G6NBJR-UHC”, operante a ben 2.400MHz e contraddistinto da un package di tipo FBGA 96-ball ed una tensione di alimentazione massima pari ad 1.20v.

Il pettine di collegamento M.2/NGFF, trattandosi di un’unità conforme al protocollo NVMe (Non-Volatile Memory Express), è di tipo M-Key (possiamo infatti notare la singola tacca). Consigliamo quindi di fare sempre riferimento al manuale utente o alle specifiche tecniche riportate sulla pagina web della propria scheda madre in maniera da evitare l’insorgere di eventuali problemi di compatibilità.

Per quanto riguarda, invece, le NAND Flash, come già anticipato, troviamo le nuove ed innovative 3D “BiCS” TLC (Triple Level Cell) proprietarie KIOXIA (ex TOSHIBA Memory). Queste particolari memorie, prodotti con processo litografico a 15nm, sono realizzate utilizzando un’innovativa architettura a 96 strati di celle impilati verticalmente, anziché cercare di ridurre la lunghezza e la larghezza delle celle per rientrare nei moderni fattori di forma compatti.

Il risultato è una densità maggiore, una resa migliorata in termini di prestazioni ed un consumo energetico ben più contenuto rispetto alle NAND tradizionali di tipo planare. Precisamente, nel modello in esame, troviamo quattro moduli identici collocati su un solo lato del PCB, serigrafati TH58LJTOT24BS8C e contraddistinti da una densità di 1.024Gbit (128GB) ciascuno.

Il produttore giapponese prevede che una porzione della capacità complessiva disponibile sia riservata nativamente all’over-provisioning. In questo modello viene dedicato un totale di 12GB, la cui gestione è come di consueto affidata al controller, in modo tale da poter assicurare la massima efficienza nel recupero prestazionale.

Caricamento